La contraccezione a regime esteso, sempre più incontro alle esigenze delle donne attive

La contraccezione a regime esteso si basa sul concetto di assunzione continuativa e flessibile, la durata della quale può dipendere dalla formulazione stessa del contraccettivo.

La contraccezione a regime esteso era in realtà già possibile, in particolari circostanze e su consiglio medico, con le normali pillole monofasiche (a schema terapeutico classico, caratterizzato da 21 giorni di assunzione e 7 di pausa), semplicemente non rispettando la settimana di sospensione, ma assumendo continuativamente due o tre blister. Anche con le nuove pillole a basso dosaggio di ultima generazione, che prevedono uno schema terapeutico 24/4 (24 pillole attive e 4 pillole di placebo), è possibile, ove il medico le ritenga necessario, raggiungere lo stesso obiettivo eliminando le quattro pillole placebo e proseguendo con l’assunzione del blister successivo.

In questi anni abbiamo assistito ad una evoluzione della contraccezione, inizialmente concepita sostanzialmente per la pianificazione familiare ed in seguito apprezzata anche per i benefici extra-contraccettivi.

I vantaggi del “regime esteso”, di seguito elencati, rappresentano i desiderata di molte donne, anche di quelle che non necessitano, per motivi diversi, la prevenzione della gravidanza.

Per saperne di più … Lo chiediamo al Prof. Maurizio Guida
Specialista in Ostetricia e Ginecologia, Università degli Studi di Salerno
 

La sezione è riservata agli Specialisti e richiede il login.
Se non sei un utente registrato, registrati subito.

 

TEVAGYN è una testata rivolta ai ginecologi di TEVA Italia Srl – Viale del Mulino 1 – Edificio U10 – Assago P.I. 11654150157 Powered by NT2 - Nuove Tecnologie