Fibromi Uterini

  • 2013-04-fibromi-numeri-e-fatti-01.jpg
  • 2013-04-fibromi-numeri-e-fatti-02.jpg
  • 2013-04-fibromi-numeri-e-fatti-03.jpg

 

Il disturbo ginecologico più diffuso tra le italiane (1)

  • 4% tra i 20-30 anni (2)
  • 11-18% tra i 30-40 anni (2)
  • 33%-60% tra 40-60 anni (2)
  • 1 donna su 4 nella fascia tra i 40 e i 50anni (1)
  • nel 5-10% dei casi è associata ad infertilità (3)

Risultati di un’indagine su oltre 21.000 donne (15-49 anni) in 8 paesi diversi (3)

  • In Italia il disturbo è più frequente (3)


Fonte: Zimmermann et al.: Prevalence, symptoms and management of uterine fibroids: an international internet- based survey of 21,746 women. BMC Women’s Health 2012 12:6. (3)

 

FATTORI DI RISCHIO
Aumento del rischio (2, 4)

  • Età ≥ 40 anni
  • Razza nera (↑ 2 volte vs razza bianca)
  • Predisposizione familiare ai fibromi uterini
  • Assenza di gravidanze
  • Obesità (↑ 1.5-2.3 volte)

Riduzione del rischio

  • Più di 5 gravidanze (↓ 20-40%)
  • Post-menopausa
  • Predisposizione familiare ai fibromi uterini
  • Assenza di gravidanze
  • Obesità (↑ 1.5-2.3 volte)

MOLTI I SINTOMI LAMENTATI
Ciclo frequente ed abbondante (3)

  • 60% mestruazioni molto intense
  • 37% ciclo lungo e irregolare
  • 1 donna su 3 ha sanguinamenti intermestruali e cicli più ravvicinati

Dolore (3)

  • dolore frequente subito prima o subito dopo il ciclo
  • 23% dolori ai rapporti sessuali
  • 14% dolore pelvico cronico

Qualità della vita (3)

  • 1 donna su 2 denuncia un impatto negativo
  • 43% problemi nelle relazioni sessuali
  • 27% peggioramento dei rapporti con partner o familiari
  • 27% calo del rendimento sul lavoro
  • 20% influenze negative sulle attività sociali o sportive
  • 16% non può scegliere liberamente tipo e colore dei propri vestiti

 

Il trattamento dei fibromi: molto variabile da un Paese all’altro (3)

Trattamento di attesa: donne con fibromi di piccole o grandi dimensioni asintomatiche

Terapie chirurgiche: pazienti selezionate, donne con emorragie uterine anormali che persistono nel tempo, che non rispondono a terapie di conservazione

  • Isterectomia (asportazione chirurgica dell’utero)
  • Miolisi (distruzione locale del fibroma mediante calore, laser o crioterapia)
  • Miomectomia (asportazione chirurgica o endoscopica del fibroma)
  • Embolizzazione dell’arteria uterina (procedura semi-invasiva di radiologia di intervento finalizzata a occludere le arterie uterine)

Terapie mediche conservative: donne con fibromi sintomatici

  • Antidolorifici
  • Agonisti dell’ormone favorente il rilascio di gonadotropine (gonadotropin-releasing hormone, GnRH)
  • Terapia ormonale (Pillola contraccettiva)*
  • E’ recente l’ipotesi di utilizzo della contraccezione d’emergenza (pillola dei 5 giorni dopo)(1)

* L’assunzione di contraccettivi a basse dosi non favorisce la crescita dei fibromi

 

References

  1. XV World Congress on Human Reproduction, Venezia Giudezza, 13-16 marzo 2013
  2. Evans P, Brunsell S – Uterine Fibroid Tumors: Diagnosis and Treatment. Am Fam Physicians 2007; 75: 1503-8
  3. Zimmermann et al – Prevalence, symptoms and management of uterine fibroids: an international internet-based survey of 21,746 women. BMC Women’s Health 2012 12:6
  4. Viswanathan M et al – Management of uterine fibroids: an update of the evidence. Agency for Healthcare Research and Quality (US); Evid Rep Technol Assess (Full Rep), 2007 Jul; (154): 1-122
TEVAGYN è una testata rivolta ai ginecologi di TEVA Italia Srl – Viale del Mulino 1 – Edificio U10 – Assago P.I. 11654150157 Powered by NT2 - Nuove Tecnologie